È morto Pinuccio Molteni l’uomo delle mille vittorie a cavallo

È morto all’età di 88 anni Pinuccio Molteni il gentleman rider famoso nel mondo per le sue mille vittorie nelle corse di galoppo. Il 17 agosto del 2004 a consacrarlo nella gara in cui stabilì il record all’ippodromo delle Bettole di Varese venne dall’Inghilterra anche la star mondiale dei fantini Frankie Dettori.
«Molteni è stato un pilastro dell’ippica italiana – dice un affranto Marco Gonnelli, presidente degli allenatori di galoppo – e un personaggio di livello mondiale. Le sue mille vittorie sono il frutto di un’etica ferrea del lavoro. Da cinquant’anni a questa parte lui ogni mattina alle 6 e 30 veniva a montare e poi andava al lavoro».
(nella foto Molteni e Dettori mentre tagliano il traguardo insieme a Varese)
WALID IL CAVALLO SALVATO CHE DIVENNE UN CAMPIONE
Nelle storie di uomini e cavalli ci sono degli incontri segnati dal destino, pensiamo al campione di galoppo americano Seabiscuit o al nostro trottatore Varenne, cavalli considerati di poco valore e diventati grazie all’amore dei loro proprietari campioni e icone di un’epoca. Anche Pinuccio Molteni fu protagonista di una storia simile con Walid, cavallo acquistato a un’asta francese per una manciata di euro, anzi di lire, circa sette milioni, che ricambiò la fiducia del suo nuovo proprietario a suon di vittorie, ben 28 consecutive, e premi vinti, oltre 800mila euro. Una rivelazione per tutto l’ambiente ippico italiano, tanto che Molteni fu costretto a farlo salire di categoria e Walid non lo deluse piazzandosi anche in gare prestigiose come il premio Milano e il Jockey Club. «La loro è stata una storia affascinante – continua Gonnelli – un vero connubio tra uomo e animale. Pinuccio infatti non si separò mai da Walid e anche a fine carriera lo tenne per la riproduzione, garantendogli una buona vecchiaia».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto