IL Confort dei Cavalli

La scuderia ed il suo allestimento è di vitale importanza per la salute del cavallo, sia a livello mentale che fisico. Infatti, in linea generale bisogna considerare che l’animale passerà molto del suo tempo in questo luogo e quindi è necessario che sia il più confortevole possibile. Innanzitutto sono da evitare box isolati da altri esemplari, in quanto il cavallo si sentirà più sereno con altri cavalli vicino e troverà qualche svago nelle ore di permanenza. A volte, la noia della sosta al box può provocare patologie davvero indesiderabili, come il ballo dell’orso o il tic d’appoggio. Una certa attività nel box eviterà tutto questo: mettere anche un oggetto sospeso da un filo permetterà al cavallo di giocare per qualche minuto suscitando il suo interesse. Comunque la vicinanza di altri cavalli osservabili dalla porticina superiore del box rimane la soluzione migliore contro la solitudine e la noia. Ricordatevi di strigliare regolarmente l’animale, non solo per ragioni estetiche e di igiene, visto che lo spazio a disposizione è poco e il cavallo tenderà anche a coricarsi, ma soprattutto per attivare la circolazione sanguigna ed evitare gonfiori dovuti all’inattività. Pulite il box una volta al giorno, possibilmente la sera, in modo da concedere un ottimo giaciglio per la notte: un buono strato di paglia sarà più che gradito, anche se il truciolato rimane un’ottima alternativa. Per alimentare il cavallo gradita è una mangiatoia fissa: assicuratevi che sia abbastanza in alto per evitare che l’animale vi metta i piedi, ma non troppo da rendere il pasto difficoltoso. Rastrelliere o reti devono essere poste all’altezza degli occhi per evitare che il cavallo vi si impigli. L’acqua può essere somminstrata con dei comuni secchi di acqua, ma considerate di pulirli tutti i giorni e fate attenzione alla loro capienza, specialmente l’estate, in modo che possano soddisfare la sete del cavallo. Per quanto riguarda il pavimento, cercate di formarlo con materiale impermeabilizzato e leggermente in pendenza in modo da consentire il drenaggio. Evitate assolutamente le superfici lisce, che potrebbero far scivolare l’animale o dare difficoltà al momento in cui cercherà di rialzarsi. Una buona superficie ruvida eviterà qualsiasi tipo di problema. E’ fondamentale che il box sia ben ventilato ma nello stesso tempo che non abbia correnti d’aria che rischierebbero di far ammalare il vostro amico. Ideali per una sana ventilazione del box sono le mezze porticine che forniscono aria fresca e nello stesso tempo proteggono dagli spifferi. Le finestre a tramoggia danno aria in più e luce. È bene posizionare le finestre molto indietro sulle pareti o proteggerle con sbarre in modo che il cavallo non possa sfondarle. Le porte che guardano verso l’esterno vanno sormontate da una gronda per proteggere il cavallo dall’insolazione e dalla pioggia. Il materiale migliore per il box è sicuramente il legno: fate attenzione al tetto del box che non sia in lamiera, in quanto a causa del rumore della pioggia potrebbe in alcune notti non riuscire a riposare. La grandezza del box può variare in base a varie esigenze, ma considerate che la misura minima è quella di 3 m², mentre l’altezza non dovrà essere inferiore ai due metri e mezzo nell’entrata, in modo che il cavallo non sbatta la testa. All’interno si consiglia un altezza maggiore, di almeno un metro in più, per consentire una buona circolazione dell’aria. Il cavallo predilige le file di box le cui pareti divisorie gli consentono di vedere dall’interno i suoi vicini. Tuttavia devono essere alte 1,5 m per proteggerlo dai calci, con delle sbarre fino a 2,4 m per evitare che venga morso. Inoltre, nelle scuderie con lunghi corridoi centrali, gli esemplari presenti possono trovarsi uno difronte all’altro, tenendosi ugualmente compagnia. Un aspetto importante nella progettazione di una scuderia, qualsivoglia tipo indentiate costruire, è sicuramente il parere del vostro veterinario di fiducia. Lui saprà darvi ottimi consigli e mostrarvi accorgimenti che alla lunga saranno preziosissimi per evitare patologie a tutti i cavalli presenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto