Villanterio, la clinica dei cavalli vittime di maltrattamenti

VILLANTERIO. Salvare i cavalli maltrattati, malnutriti, relegati in box senza luce e con poca acqua. Animali malati e lasciati senza cure. Sta qui l’obiettivo di Progetto Islander, associazione no profit voluta da Nicole Berlusconi, figlia di Paolo, entrambi presenti ieri all’inaugurazione del nuovo centro di recupero che si trova a Villanterio, nella tenuta Il Cigno, tenuta della famiglia Tosi che ha deciso di destinare una parte dell’azienda agricola proprio alla riabilitazione di cavalli, pony, asini, muli che si trovano in stato di sofferenza. Sono una sessantina gli animali ora in cura dai veterinari dell’associazione, 18 si trovano a Villanterio che diventerà sede ufficiale del progetto. Qui non solo vengono assistiti, ma ci si attiva per cercare qualcuno che se ne occupi. «Riceviamo segnalazioni da tutta Italia – spiega Diego Santini, uno dei veterinari che opera nel centro -. Allevamenti o privati che tengono gli animali in condizioni ai limiti della sopravvivenza. Avvertiamo le autorità e le Ats che, se esistono gli estremi, procedono a sequestro. Dopo averli curati, ci occupiamo dell’adozione». «Abbiamo messo a disposizione questi spazi perché si tratta di un intervento importante, fatto da un’associazione nata cinque anni fa e che si occupa di portare alla luce situazioni spesso tenute nascoste»., spiega Stefano Tosi, proprietario degli spazi.

Il sindaco Silvio Corbellini parla di «iniziativa importante, anche per il territorio». E spiega: «Rappresenta l’incontro tra una famiglia di agricoltori, la famiglia Tosi, che da tanti anni si occupa di allevamento suini e di agricoltura, e di una società che ha deciso di investire sul territorio. I Tosi hanno acquistato la tenuta Il Cigno. E qui hanno deciso di coltivare, ma anche di concedere spazi ad un centro di recupero per animali maltrattati. Si sono quindi incontrati imprenditori che hanno investito parecchio per rimettere in sesto la struttura e un’attività che ha carattere sociale. Non solo. Una parte della tenuta è stata coinvolta nel progetto di recupero del fiume Lambro, che ha interessato Comuni e università Bicocca, per la riqualificazione paesaggistica delle sponde del fiume, una piccola oasi naturalistica che costituirà un fiore all’occhiello del nostro territorio». 

Progetto Islander si occupa del recupero, della riabilitazione e del successivo affidamento di equidi provenienti da sequestri per maltrattamenti. L’associazione no profit si occupa inoltre «dell’organizzazione di incontri per

diffondere la cultura del cavallo per il suo benessere e una sua corretta gestione nel rispetto dei principi che regolano la sua vita in natura». Collabora con le forze dell’ordine incaricate della tutela animale dalle quali viene nominata custode giudiziario degli animali sequestrati. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto