PERSIANO ARABO

LUOGO DI ORIGINE:
ITALIA (Piana del Sele)
ATTITUDINI:
Sella
POPOLAZIONE:
Cavallo di interesse nazionale.
ALTEZZA AL GARRESE:
151-161 cm
MANTELLO:
Baio, baio chiaro, baio scuro, sauro, sauro chiaro, sauro scuro e grigio
CARATTERISTICHE:
Nevrile
STANDARD DI RAZZA:
Testa allungata; collo lungo; spalla giustamente inclinata; garrese pronunciato; linea dorso-lombare corta; lombi corti; groppa inclinata, alquanto corta; petto ampio e torace profondo.
Arti regolari, esili; articolazioni regolari; andatura armonica, elegante; appiombi regolari e piede piccolo. Lo Standard è stato definito da appositi Gruppi di Lavoro e sono in corso accertamenti relativi alla effettiva presenza di soggetti riconducibili allo Standard indicato.
DATI STORICI:
L’origine della selezione di questa razza risale al periodo borbonico e precisamente al 1742 quando Carlo III, nella Tenuta di Persano in Campania, incrociò fattrici di razza Napoletana, Siciliana, Calabrese e Pugliese con stalloni di razza orientale – turra; a seguito dell’immissione di sangue andaluso il mantello, originariamente baio o grigio, si trasformò in morello e solo successivamente, con l’impiego di stalloni p.s.i. ed orientali, ricomparvero i mantelli sauro e grigio ancora oggi esistenti. Alla fine del XVIII° secolo la razza raggiunse fama internazionale, forse la migliore in Europa in quel periodo. Tuttavia, con l’avvento dell’Unità d’Italia, l’allevamento entrò in crisi e nel 1874 la razza, su disposizione ministeriale, fu ufficialmente sciolta. Solo agli inizi del ‘900 se ne iniziò la ricostituzione che permise di ottenere degli ottimi cavalli sia da ufficiale sia con notevole attitudine al concorso di completo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto