Borzonasca, dove cavalli e abitanti si contendono… le castagne

Borzonasca – «Lo sappiamo che fa ridere, ma la verità di questa storia è un paradosso, ormai siamo noi che rubiamo le castagne ai cavalli e non il contrario»: passano i giorni e la convivenza tra gli abitanti di Perlezzi, località alle pendici del monte Aiona, e i cavalli selvaggi diventa sempre più difficile. Gli equini ormai da fine settembre stazionano nel bosco delle Fate. Motivo? La presenza abbondante delle castagne.

Va detto che anche negli anni passati i cavalli avevano scorrazzato in questi terreni che vengono curati tutto l’anno proprio per raccoglierne i frutti in autunno. Ma mai come quest’anno la loro presenza è stabile:«È dal 20 settembre che non riusciamo a trovare una soluzione – raccontano i proprietari, una decina in tutto – Noi li allontaniamo e loro ritornano. Di notte poi agiscono indisturbati. E a noi, davvero, non restano che le briciole…».

Il branco è formato da sette esemplari. I motivi per cui quest’anno abbiano preso di mira il bosco delle Fate sono misteriosi. È vero che la zona offre prati verdi, castagne e acqua. Ma in realtà tutta la zona dell’Aiona è ideale per quelli che sono i loro stili di vita. L’etologia (cioè la scienza che si occupa del comportamento animale) potrebbe spiegare questo comportamento magari tirando in ballo le dinamiche tra i vari branchi. È possibile, infatti, che qualche equilibrio sia cambiato. E questo branco (forse nuovo, almeno in parte, rispetto a quelli precedenti) potrebbe avere comportamenti differenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto