Ippica, San Siro Galoppo: Legat ritrova la vittoria nel Premio Grabiasca

Una vigilia interessante al galoppo, come era da programma, all’Ippodromo SNAI San Siro. Aspettando le Oaks d’Italia di domani pomeriggio, sul circuito milanese ci sono state delle sorprese e delle nette conferme. In apertura, in lista di attesa già da diversi turni, Legat ha finalmente ritrovato la vittoria nel Premio Grabiasca, con Antonio Domenico Migheli in sella. Il cavallo allenato da Andrea Mataresi ha seguito le evoluzioni della corsa a centro gruppo, poi in retta ha progressivamente avvicinato i primi per superare ai 150 finali Magnetic Heart, che aveva debellato la resistenza del battistrada Fantastic King. Magnetic Heart ha pagato la fatica ed è stato superato anche per il secondo posto da Russel Square. Una vittoria da… Circoletto Rosso, proprio come suggerisce il nome della scuderia di appartenenza, quella di Jaggernaut nel Premio Seveso, discendente sui 1200 metri per cavalli di tre anni. Dopo la bella (e non troppo fortunata) esibizione nel Premio Sambruna, il cavallo allenato da Simone Fiorentini ha confermato di gradire particolarmente la dirittura milanese: in una gara scandita a buon ritmo da Freccia di Fuoco, Jaggernaut con Gavino Sanna in sella è riuscito ad acciuffare negli ultimi metri l’ottimo Tuttalpiu, che ai 200 finali aveva trovato un bel varco ed era passato di slancio in vantaggio ma ha poi subito la rimonta del rivale. Freccia Di Fuoco, seppure superata al primo traguardo, ha difeso il terzo posto sino in fondo dal finale di Lady Cleo. Pronta replica di Smigavaz nel Premio Mincio, discendente sui 1400 metri in pista dritta per cavalli di tre anni e oltre valido come II Tris. Nonostante il salto di categoria, la cavalla di Cristiana Signorelli, sempre con Ivan Rossi in sella, ha fatto valere l’ottima forma del periodo venendo a piegare Such A Fool, che era passato in vantaggio sfruttando un varco lungo lo steccato. Porta Nuova dopo un avvio non felicissimo è emersa al terzo posto. Amazzoni e cavalieri protagonisti nel Premio Soroptimist, prova valida come prova di qualifica per il Trofeo Bottanelli: ha messo il suo sigillo sulla prova il toscano Maggiolone, che ha pedinato lungo il percorso Mariette, è passato in vantaggio ai 200 finali e ha tenuto a distanza di sicurezza Clever Bend. Mariette ha conservato il terzo posto. Silver Casina ha fatto valere i diritti di una classe superiore mettendo in riga i rivali nel Premio Piazzale Lotto, Handicap Limitato per cavalli di tre anni sulla distanza dei 2000 metri in pista media: il portacolori della scuderia Rencati, montato da Dario Vargiu, ha seguito il leader Xilano, si è presentato facile in retta passando già ai 300 finali e ha risposto con sicurezza agli attacchi di Pamparana. Dietro i due compagni di allenamento ha concluso Pirates Bar rimontando Gran Prerino. Il secondo Handicap Limitato del pomeriggio ha visto la vittoria di Baffonero: stavolta impiegato in percorso di avanguardia da Federico Bossa, il cavallo allenato da Sergio Dettori si è scrollato di dosso ai 400 finali l’attaccante Fritz e nel tratto finale, pur calando leggermente, ha controllato il finale a centro pista di Law Power. Al terzo posto Venere di Milo. Vittoria di Exchange nel Premio Masate, discendente sui 1600 metri in pista media: la portacolori della scuderia Topeeka, impiegata da Pierantonio Convertino in un calibrato percorso di avanguardia, è riuscita a ribattere al duro attacco portato da Caruso ai 300 finali. Senza spazio Black Imagin, al terzo posto è emersa l’altra portacolori Topeeka Marea Rosa. cdn/AGIMEG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto