Francia: all’ippodromo della Costa Azzurra parte la seconda settimana del Jump Festival

GPA Jump Festival del French Riviera, Hippodrome de la Côte d’Azur: più di 800 i cavalli al via, 149.100 Euro il montepremi che verrà distribuito da qui a domenica 2 aprile 2017 nelle 44 categorie previste.

Nutrita come sempre la rappresentativa azzurra, con Lucia Vizzini Le Jeune in prima fila oggi: qui video e streaming, qui start list e classifiche e chissà che non si senta risuonare anche l’Inno di Mameli in questi giorni…vi terremo aggiornati.

Nel frattempo, recuperiamo una riflessione sulla location di questo concorso: un posto fatto apposta per i cavalli – pensato progettato e costruito per loro – un ippodromo, insomma, dove ogni giorno si allenano cavalli da trotto e da galoppo e dove alle date comandate ci si dà appuntamento per importanti riunioni di corsa.

Bella forza direte voi, certo che lì le cose sono a misura di equino atleta: ma da noi in Italia quante volte avete visto un concorso di salto ostacoli organizzato dentro un ippodromo? Andando a memoria ci sembra che sia stato fatto solo un tentativo a Follonica, qualche anno fa, purtroppo rimasto senza seguito.

Eppure è così logico: una grande, specializzatissima struttura dove grazie a un po’ di buon senso e ad una ottima organizzazione logistica (che qui a Cagnes-sur-mer è opera di Jean Gallo, vera macchina da guerra per questo genere di cose) si riesce a inserire in calendario anche un Jump Festival che dura due settimane e attira cavalieri da tutta Europa e non solo.

Un modo per ammortizzare al meglio i costi fissi comunque esistenti, che diventano più leggeri se suddivisi tra più realtà; una maniera di attirare un pubblico diverso che si aggiunge a quello solito dando un bel respiro alle attività commerciali situate al suo interno (bar, ristoranti, self-service nonché clinica veterinaria, maniscalchi e via dicendo), che si vedono entrare in casa 1500 persone al giorno per quindici giorni consecutivi.

In Irlanda, paese non soffre la carenza di attenzione agli eventi equestri da parte del pubblico, stanno intraprendendo una strada simile: portano il salto ostacoli negli stadi dedicati alle corse dei cani.

Riusciremo anche noi a copiare questa ottima idea, condividere tra differenti discipline legate al cavallo uno spazio comune che verrà così riqualificato da una maggiore frequenza di eventi?

Unica pecca, a voler essere pignoli, i grandi spazi: se ti dimentichi un paio di guanti in scuderia e te ne accorgi sulla soglia del campo gara devi davvero galoppare per recuperarli in tempo.

Ma vuoi mettere la bellezza di un posto come questo? il mare, il clima e l’aria della Costa Azzurra ti ripagano di tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto